Vigliacco

Notte atroce: lunga notte d’angoscia, accorcia le tue ore: sorgi dall’oriente, alba che riconforti; ch’io possa tornare ad Atene con la luce del giorno, lontana da questi che odiano la mia compagnia. O sonno che chiudi talvolta le palpebre all’angoscia, portami un attimo fuori da tutto: anche da me stessa…

Vigliaccoultima modifica: 2004-02-09T18:38:05+01:00da fuoridime@v
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Vigliacco

Lascia un commento