Così, senti.

Guarda gli animali in questa stanza. Sei sicuro siano buoni? Hanno degli strani occhi. Sei sicuro che allo specchio non sia io? Intravedo forme familiari. Mi pare di vedere tutte le cose nel loro giusto posto di appartenenza. Guarda questo taglio. Sei sicuro non sia grave? Vedo il sangue sgorgare. Sei sicuro non sia mio? Ha un sapore conosciuto. Mi pare di vedere tutte le cose nel loro giusto posto di appartenenza. Guarda quest'anima qua dentro. Sei sicuro che sia un'illusione? Puoi vederla. Sei sicuro che sia solo paura nascosta? Sento mescolarmi con violenza. Mi pare di vedere tutte le cose nel loro giusto posto di appartenenza. Guarda questa mano. Sei sicuro sia tutto a posto? Non ha più riflessi. Sei sicuro di dirmi la verità? Trovo nelle tue parole qualcosa di duro, di minerario. Se solo come me vedessi tutte le cose nel loro giusto posto di appartenenza mi crederesti. Se solo così fosse capiresti che male fa. Se solo così fosse vedresti come me null'altro che qualcosa di vivo, sospirante, avvolto in pellicole che noi chiamiamo pelle. Il diavolo e il dio delle nostre riscosse come ombre morte dentro la nostra testa, come la creazione e la distruzione dei nostri dubbi. E possiamo anche scegliere di crederci ma non possiamo trovare parole per spiegarne il perché. Se solo come me vedessi tutte le cose nel loro giusto posto di appartenenza ti arrenderesti ed urleresti basta perché tutto sarebbe già chiaro, perché vedresti il cerchio chiudersi e tu dentro esso accartocciarti e decomporti e tornare al nulla iniziale. Perché tutto sarebbe già chiaro e vivo nella morte. Credi che tutto ciò sia esecrabile? Lo credo anche io ed è per questo che degli occhi non ne faccio altro che un vetro oscurato e di questa candela il mio sole pensando solo che tutto ciò in questa notte può avere molto fascino e nulla più. Solo una favola in cui rifugiarmi è la realtà. Fingendo che questo sia il mio posto di appartenenza, piangendo silenziosamente perché sto mentendo a me stessa.
Così, senti.ultima modifica: 2005-07-27T13:01:33+02:00da fuoridime@v
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Così, senti.

  1. non so. davvero. mi emozioni, vibra qualche corda interna e ti giuro sei l’unica. Mai stata di una sincerità così smodata, ma non so chi sei, quanti anni hai, di dove sei, se sei realmente una donna o un ragazzino che si sta divertendo un mondo… ma resta il fatto che mi emozioni. E ti leggo, ti rileggo… e vorrei un sacco di cose in questo momento…

Lascia un commento